In primo piano

Si chiama I-cut l’app sviluppata da un team di cinque ragazze keniane con l’obiettivo di mettere la parola fine alla pratica della circoncisione femminile, ancora molto diffusa in Africa. Attraverso cinque pulsanti (aiuto, salvataggio, report, informazioni, donazione e feedback) l’applicazione «fornisce assistenza alle ragazze a rischio (mettendole in contatto con centri specializzati) e fornisce assistenza legale e medica a coloro che hanno subito questa dolorosa e inutile pratica tradizionale». Le «restauratrici», così si definiscono queste ragazze, ...
mutilazioni_genitali_femminili_bl-662x400
Chi era Maryam Mirzakhani, la matematica iraniana morta lo scorso 15 luglio a soli 40 anni, l’unica donna a essere mai stata insignita della medaglia Fields (premio riconosciuto ai matematici che non abbiano superato i quarant’anni, assegnato dal Congresso internazionale dei matematici della International Mathematical Union (IMU), a cadenza quadriennale dal 1936)? Ce lo racconta Elisabetta Strickland, docente di algebra all’Università di Roma Tor Vergata e membro della commissione «Donne in matematica» della società matematica europea, nella puntata ...
Maryam Mirzakhani
Le giovani scienziate afgane a cui era stato negato il il visto per partecipare nei prossimi giorni al concorso di robotica di Washington hanno finalmente ottenuto il visto. Dopo le polemiche sollevate dalla vicenda, l'amministrazione avrebbe infatti riconsiderato la sua posizione, inizialmente in linea con la politica severa in materia di visti adottata dal presidente Donald Trump. In bocca al lupo alle 163 squadre candidate!   «Per le ragazze afgane esperte in robot arriva il visto per gli Usa», la Repubblica, 13 luglio 2017
visa
Era la loro occasione, e se la sono vista ingiustamente negare: sei ragazze afghane, dopo essere state ammesse al contest internazionale di robotica a Washington grazie al loro robot costruito, tra l’altro, con materiali di fortuna, non potranno volare negli Stati Uniti perché il governo americano ha rifiutato la loro richiesta. Saranno così costrette a partecipare al concorso via Skype da Herat. Duro lavoro e sacrifici non sono serviti a far loro ottenere il visto, ma queste ragazze sono comunque il simbolo di un cambiamento: «Questo è un messaggio molto importante ...
rejected
Negli ultimi dieci anni, in Botswana, Namibia, Rwanda, Lesotho e nelle Mauritius le donne hanno «raggiunto livelli di sviluppo umano praticamente equivalenti a quelli degli uomini»: è quello che si legge nello studio appena pubblicato «Prospettive economiche in Africa». In alcuni paesi del vecchio continente, infatti, si registrano alti tassi di crescita e sempre più donne stanno entrando a far parte del mondo del lavoro e della politica. Uno sviluppo nel campo delle pari opportunità, questo, che passa anche da iniziative come quella della produttrice ...
African_Economic_Outlook_2017
Il 14 marzo è stata presentata l’edizione 2017 di Nuvola Rosa, l’iniziativa nata nel 2013 in collaborazione tra Microsoft, Fondazione mondo Digitale e growItUp con lo scopo di incoraggiare le ragazze a intraprendere percorsi di studio scientifici promuovendo la diffusione di competenze digitali. Saranno 1500 le ragazze che da marzo a dicembre avranno la possibilità di frequentare i 40 corsi di formazione gratuiti dove impareranno le basi dell’informatica, ma anche la programmazione, la robotica e l’arte digitale. Verranno coinvolti istituti tecnici, ...
nuvola rosa2017
«Alle bambine ribelli di tutto il mondo: sognate più in grande, puntate più in alto, lottate con più energia. E, nel dubbio, ricordate: avete ragione voi»   Questa è la dedica di Storie della buonanotte per bambine ribelli, la versione italiana uscita il mese scorso del libro scritto da Elena Favilli e Francesca Cavallo Good Night Stories for Rebel Girls, pubblicato grazie a una campagna di crowdfunding che ha raccolto oltre un milione di dollari in 70 nazioni in soli 28 giorni, arrivando a un milione e 300 mila dollari da aprile a ottobre dello scorso ...
Storie della buonanotte per bambine ribelli
Daniela Paolotti, ricercatrice a capo del gruppo di Computational and Digital Epidemiology dell’ISI Foundation di Torino e project manager della piattaforma Influweb per il monitoraggio dell'influenza in Italia, terrà oggi il discorso di apertura della conferenza Women In Data Science a Santiago del Cile. Durante la conferenza, che rientra nel progetto della Stanford University Global Women In Data Science, verranno toccati diversi temi, dal gender gap ancora molto rilevante nel settore del data science al ruolo delle donne in questo ambito, dalle ultime ricerche agli interessi crescenti ...
daniela paolotti
La distribuzione di uomini e donne nelle varie discipline accademiche sembra essere influenzata da diverse percezioni della propria intelligenza. Secondo lo studio di Lin Bian, Sarah-Jane Leslie e Andrei Cimpian, i cui risultati si possono leggere sul penultimo numero della rivista Science, all’età di sei anni le bambine americane sono meno propense dei bambini a pensare di essere brillanti e intuitive e già a questa età le femmine cominciano a evitare quelle attività che si ritengono essere adatte ai bambini più smart. Le differenze di genere in tema di ...
girl-kids-training-school-159782
22 anni e un amore spasmodico per la fisica: Sabrina Pasterski, laureata al Massachusetts Institute of Technology di Boston e ora dottoranda ad Harvard, con le sue ricerche, giunte fino agli uffici della Nasa, potrebbe cambiare la concezione che i suoi predecessori hanno dato dell'Universo.  A soli 14 anni costruisce un prototipo di aereo e oggi, mentre alcuni delle menti più briilanti d'America si interessano a lei, studia i buchi neri, la gravità e le regole che governano lo spazio-tempo. Tutta la sua vita è dedicata alla fisica, tanto da non avere nessun ...
sabrina pasterski