In primo piano

17/03/2017

Storie della buonanotte per bambine ribelli: il libro per le bambine che vogliono sognare


«Alle bambine ribelli di tutto il mondo:

sognate più in grande,

puntate più in alto,

lottate con più energia.

E, nel dubbio, ricordate:

avete ragione voi»

 

Questa è la dedica di Storie della buonanotte per bambine ribelli, la versione italiana uscita il mese scorso del libro scritto da Elena Favilli e Francesca Cavallo Good Night Stories for Rebel Girls, pubblicato grazie a una campagna di crowdfunding che ha raccolto oltre un milione di dollari in 70 nazioni in soli 28 giorni, arrivando a un milione e 300 mila dollari da aprile a ottobre dello scorso anno. 

Il libro raccoglie 100 favole della buonanotte con protagoniste cento «donne straordinarie del passato e del presente», illustrate da 60 artiste provenienti da tutto il mondo. Da Rita Levi Montalcini a Serena Williams, da Ada Lovelace a Frida Kalho, da Malala Yousafzai a Jane Austen, e ancora Coco Chanel, Nina Simone, Michelle Obama, il libro vuole colmare una mancanza che le autrici hanno riscontrato nei racconti per bambini: «Ci siamo rese conto che il 95 per cento dei libri e dei programmi tv con cui siamo cresciute non avevano bambine o ragazze in ruoli importanti. Abbiamo fatto un po’ di ricerche e scoperto che le cose non sono cambiate tanto negli ultimi vent’anni, e così abbiamo deciso di fare qualcosa», spiegano le autrici.

Molti libri sono ancora impregnati di stereotipi di genere e non descrivono personaggi femminili che possano essere visti come modelli: ecco quindi il perché della nascita di Storie della buonanotte per bambine ribelli.

 

Cosa succederebbe se dagli scaffali togliessimo i libri per bambini senza personaggi femminili, quelli dove i personaggi femminili ci sono ma non parlano, quelli in cui parlano ma senza avere sogni e aspirazioni, perché stanno semplicemente aspettando il principe azzurro? Guardate questo video. 

Storie della buonanotte per bambine ribelli