Persone e Storie

A soli 9 anni Anvitha Vijay è la programmatrice più giovane del Worldwide Developer Conference, l’evento con cui Apple ogni anno incontra i creatori di app più talentuosi al mondo. Con la sua app Smartkins Animals, «una flashcard con più di cento animali pensata per aiutare i bambini nell’apprendimento», Anvitha si è aggiudicata una delle borse di studio che Cupertino ha messo disposizione per partecipare all’evento. «Con le sue app sogna di diventare un’innovatrice: è convinta che la tecnologia possa aiutare i ...
Anvitha Vijay
Una rinascita dell’innovazione: è quella che si sta verificando in Africa con la diffusione di Internet e delle tecnologie mobili in paesi come il Sud Africa, il Ghana, il Kenya e la Tanzania. Non si tratta solamente di mettere in collegamento tra loro i cittadini, ma di creare e far crescere una vera cultura della tecnologia nelle nazioni più popolate, come discusso durante Afrobytes, l’African Tech Conference che si è svolta a Parigi dal 9 al 12 giugno. E questo è possibile anche grazie all’intraprendenza di donne come Tayo Akinyemi, Sheilah Birgen, ...
afrobytes2
Quattro ricercatrici italiane sono state premiate nei giorni scorsi al meeting dell’American society of clinical oncology di Chicago, ricevendo il Conquer cancer foundation merit award recipients 2016. Si tratta delle trentenni Carlotta Antoniotti, Emanuela Palmerini, Marta Schirripa e Caterina Fontanella.   «Il Merit award è uno dei più prestigiosi premi dell’oncologia internazionale e premia (tra gli altri) i migliori giovani oncologi. Economicamente supportato dalle più grandi aziende del farmaco (da Takeda a Novartis, da Jannsen a Celgene, ...
conquer-cancer-foundation
Emilia Ponzoni, Regina Colombo, Concetta Finardi e Luigia Panceri: sono questi i nomi delle quattro suore che tra il 1910 e il 1922 catalogarono più di 400 mila stelle. Rimaste anonime fino a poche settimane fa, le loro identità sono state rivelate grazie alla scoperta casuale di padre Sabino Maffeo, che lavora per l’Osservatorio Vaticano. Tra il 1897 e il 1899 gli astronomi più famosi del mondo tennero delle conferenze a Parigi per provare a catalogare le stelle attraverso l’opera denominata Catalogo Astrografico. Agli incontri partecipò anche il Vaticano ...
Barbara Labate, Chiara Burberi, Elisa Fazio e Gioia Pistola sono quattro delle 100 migliori fondatrici di realtà nell’ambito del digitale e dell’app economy, secondo lo studio della startup berlinese The Hundert. Barbara Labate è la creatrice di Risparmio Super, un’applicazione che aiuta a risparmiare sulla lista della spesa, confrontando prezzi e prodotti in 22mila punti vendita. Redooc, la piattaforma dedicata alle materie scientifiche, in particolar modo alla matematica, di Chiara Burberi propone modi nuovi di imparare e insegnare attraverso un linguaggio diversificato ...
startup 2016
“Donne e tecnologia” è un binomio che continua a essere caratterizzato da ridicoli stereotipi e pregiudizi: le donne non sarebbero in grado di programmare perché…semplicemente sono donne, con tutto ciò che ne consegue! Guardate questo ironico video realizzato dall’organizzazione non profit Girls who code.
girlsdocode
Laura Indolfi, membro TED e postdoc del MIT’s Institute for Medical Engineering and Science (IMES) e del MGH Cancer Center, sta rivoluzionando la cura del cancro al pancreas attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative. Tra queste vi è un piccolo dispositivo impiantabile che fornisce farmaci chemioterapici direttamente al tumore, ottenendo un rilascio localizzato che ne controlla la progressione e, potenzialmente, lo riduce a una dimensione che ne permette la rimozione chirurgica.   Qui il suo TED talk: «Laura Indolfi: Good news in the fight against pancreatic ...
laura indolfi
Maria Klawe sta cercando di cambiare le cose: matematica e computer scientist nominata rettore dell’Harvey Mudd College (il più piccolo del gruppo dei Claremont Colleges, in California) nel 2006, la sua missione è stata fin da subito quella di ridurre la sottorappresentanza delle donne nel campo della computer science, a partire proprio dal suo college. «La maggior parte delle studentesse erano riluttanti nei confronti della computer science a causa degli stereotipi con cui erano cresciute. Ci siamo accorti che stavamo contribuendo alla loro permanenza continuando a insegnarla ...
maria klawe
Cosa accadrebbe se, nell’educazione dei figli, ci concentrassimo sulle capacità, invece che sul genere? Che cosa accadrebbe se, nell’educazione dei figli, ci concentrassimo sull’interesse, invece che sul genere? […] Io vorrei che tutti cominciassimo a sognare e progettare un mondo diverso. Un mondo più giusto. Un mondo di uomini e donne più felici e più fedeli a se stessi. Ecco da dove cominciare: dobbiamo cambiare quello che insegniamo alle nostre figlie. Dobbiamo cambiare anche quello che insegniamo ai nostri figli. Queste  sono alcune ...
Chimamanda Ngozi Adichie
Annalisa Buffa è la prima donna a vicenre l'ICIAM Collatz Prize (2015), ovvero il premio che viene consegnato dall'International Council for Industrial and Applied Mathematics agli scienziati sotto i 42 anni impegnati nel campo della matematica industriale e applicata. La sua ricerca si focalizza sui metodi numerici per le equazioni parziali differenziali, con una particolare attenzione alla propagazione delle onde elettromagnetiche e, in generale, ai problemi che possiedono una struttura geometrica. Alla domanda su com'è essere una donna nel mondo delle scienze, considerando ...
annalisa buffa