In primo piano

11/05/2016

Le ragazze, la tecnologia e gli obiettivi di sviluppo sostenibile


I cambiamenti resi possibili dalla tecnologia si stanno verificando in quei posti del mondo dove meno ce lo aspetteremmo e in modi che non avremmo mai immaginato: la tecnologia diventa qui un’arma attraverso la quale donne e ragazze possono raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, ovvero i Sustainable Development Goals (SDG) stabiliti dalle Nazioni Unite.

Ecco due esempi.

Il gruppo Girls for Change, composto da ragazze delle scuole medie e superiori che vivono nelle baracche di Dharavi in India, uno dei luoghi più poveri del pianeta, ha realizzato un’app chiamata Women Fight Back. Questa permette di inviare un SMS alert con la propria localizzazione a cinque contatti, di telefonare ai propri genitori e di mettersi in collegamento con la polizia premendo un pulsante. Si tratta quindi di uno strumento per la sicurezza personale di queste ragazze, spesso vittime di violenze sessuali, ma anche di una dimostrazione della possibilità di cambiare e migliorare le loro vite a partire dalle proprie capacità.

Un altro esempio è l’organizzazione non profit Code to Inspire, che sta insegnando alle donne afgane a programmare, aprendo loro una possibilità di lavoro completamente nuova. Infatti, molte di queste donne lavorano ora per Overstock.com, che a un certo punto è stato il maggiore datore di lavoro delle donne in Afghanistan e recentemente ha cominciato a gestire il proprio libro paga in bitcoin, in modo da rendere più facile e sicuro il trasferimento di denaro in tutto il mondo.

La tecnologia, quindi, in questi Paesi caratterizzati da povertà, guerra e violenza di ogni genere, può davvero essere d’aiuto, come dimostrano queste donne che creano soluzioni innovative per migliorare le loro vite e le loro comunità.

 

Sheldon Himelfarb, «Girls, Tech, and the Sustainable Development Goals», UN Foundation Blog, 4 maggio 2016.

 

(Sheldon Himelfarb è CEO del PeaceTech Lab, che lavora sulle connessioni tra tecnologia, media e dati per immaginare, sviluppare e diffondere nuovi strumenti al fine di ridurre i conflitti nel mondo.)

Code-to-Insprire